INTELLETTO

 —

Con certa gente

ci vuole tanta pazienza

poiché quella non sa, evidentemente,

(malgrado gliene abbiano parlato ripetuta-mente,

vana-mente, con compassionevole insistenza)

ciò che qualcuno ha sperimentato, personalmente,

in questa, meravigliosa, esistenza …

Abitua il tuo intelletto al dubbio
ed il tuo cuore alla tolleranza”…

(G.C.Lichtenberg)

mi suggerisce, semplice-mente,

l’Unitaria coscienza …

 

IO Sono un uomo

che sa di non sapere …

perciò, logica-mente,

mi ritengo un vero sapiente (!?)

(“Sapiente è colui il quale sa di non sapere” – Socrate)

Riguardo a Chi ha creato il Tutto, francamente,

mi dispiace ma … non so proprio niente!

 

Però, probabilmente, essendo una Sua creatura,

ritengo di possedere delle qualità

insieme alla verità …

che è sicura-mente in ME …

(quello vero, al di là della fittizia identità,

l’io/l’ego prigioniero della dualità)

tutta da scoprire, oltre la paura …

e quella mi si rivelerà, sicura-mente,

se, da umile umano …

continuerò ad esplorare, minuziosa-mente,

l’affascinante realtà,

insieme al mistero … più arcano …