UN FIORE

Cosa nasconde

la bellezza di un fiore?

In essa si cela

lo splendore

 

Un’emozione

che è in grado di provare

il nostro cuore

quando, con commozione,

in esso sboccia

il vero Amore

 

Come riconoscere

se sia quello giusto?

Immergendosi nella contemplazione

di momenti da vivere con gusto

che pian piano

ci accompagneranno nella meditazione

il solo “luogo” ove troveremo la soluzione

 

Nel frattempo, caparbiamente,

cercheremo di liberarci

dai consigli dettati dalla mente

che farà di tutto per portarci

 lontano dal presente

 (Brano associato: “Giorno per giorno” Annalisa Scarrone)

 … <<Vedere la bellezza in un fiore può, anche se brevemente risvegliare gli umani alla bellezza perché questa è una parte essenziale del loro più profondo essere, della loro vera natura. L’iniziale riconoscimento della bellezza è stato uno degli eventi più significativi nell’evoluzione della coscienza umana. I sentimenti di gioia e di Amore sono intrinsecamente connessi con quel riconoscimento. Usando la parola “illuminazione” in un senso più ampio di quello convenzionalmente accettato, potremmo vedere i fiori come l’illuminazione delle piante. Qualunque forma di vita in ogni regno, sia esso minerale, vegetale o animale può essere soggetta alla illuminazione. Ma è, in ogni caso, un avvenimento estremamente raro poiché è più di una progressione nell’evoluzione: comporta anche una discontinuità nello sviluppo, un balzo ad un livello ben differente dell’Essere e, molto più importante, una diminuzione della materialità. Quando vi è un certo grado di Presenza, di quiete e di attenzione vigile, gli esseri umani possono percepire in ogni creatura, in ogni forma vitale, l’essenza divina della vita, la consapevolezza infusa o lo spirito, e possono riconoscerla come la loro stessa essenza e così amarla come loro stessi. Fino a che ciò non accade, molti umani vedono solamente la forma esterna, e quindi s’identificano solo con la forma fisico e psicologica, inconsapevoli dell’essenza interiore, proprio come sono inconsapevoli della loro stessa essenza. Nel caso di un fiore, di un cristallo, di una pietra preziosa o di un uccello, anche qualcuno con poca o nessuna Presenza può, di tanto in tanto, percepire che vi è in quella forma più della mera esistenza fisica e sentire un’affinità senza sapere che questa è la ragione per la quale ne è attratto. Per la loro natura incorporea, quelle forme oscurano lo spirito che le abita meno di quanto accada in altre forme di vita. Fanno eccezione tutte le forme di vita appena nate: i bambini ed i cuccioli in genere sono fragili, delicati, non ancora stabilizzati nella materia. In loro risplendono ancora un’innocenza, una dolcezza, una bellezza che non sono di questo mondo. Sono una fonte di grande gioia persino per umani relativamente insensibili. Quando siete in uno stato vigile e contemplate un fiore, un cristallo o un uccello, senza etichettarlo mentalmente, ciò diventa per voi una finestra sulla non-forma. Vi è allora un’apertura interiore, anche se piccola, verso il regno dello spirito. Questo è il motivo per il quale queste tre forme di vita illuminata hanno una parte così importante nell’evoluzione della coscienza umana fin dai tempi più antichi; per esempio, il gioiello nel fior di loto è un simbolo fondamentale nel Buddhismo, e un uccello bianco, la colomba, simboleggia per il Cristianesimo lo Spirito Santo. Hanno preparato il terreno per un più profondo cambiamento nella coscienza planetaria destinato ad accadere alla specie umana. Questo è il risveglio spirituale del quale siamo testimoni adesso. Tale risveglio può però accadere solo in chi è pronto. Non tutti sono pronti, non ancora, ma molti lo sono, e per ogni persona che si risveglia, tutto il livello della coscienza collettiva cresce e facilita il compito agli altri. Se non sapete cosa significa “risveglio”, continuate a leggere. Solamente risvegliandovi potrete conoscere il vero significato di questa parola. Un’improvvisa intuizione, anche solo un lampo, è sufficiente per iniziare il processo del risveglio, che è irreversibile. Per qualcuno questa luce improvvisa giungerà leggendo questo libro. Per molti altri, il processo è già iniziato anche se non se ne sono resi conto. E questa lettura li aiuterà ad esserne consapevoli. Se il processo del risveglio è già iniziato in voi, la lettura di questo libro lo accelererà e lo intensificherà. Nel momento in cui riconoscerete in voi l’inconsapevolezza – quello che rende possibile il riconoscimento è proprio la consapevolezza emergente – quello è risveglio. Non potete lottare contro l’ego e vincere, allo stesso modo in cui non potete lottare contro l’oscurità. La luce della coscienza è tutto quello di cui c’è bisogno. Voi siete quella Luce>>…

 Fonte: Eckhart Tolle, “UN NUOVO MONDO – Riconosci il vero senso della tua vita” (pag. 14-18) © 2008 Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. Milano (ISBN 978-88-04-57781-2)

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

10 risposte a UN FIORE

  1. Pingback: SPIRITO SANTO | La Nuova Era

  2. Simona ha detto:

    Grazie x il fiore 🙂

  3. L'amico Mauro ha detto:

    … “L’uomo ha in sé il seme di una grande fioritura di consapevolezza,
    ha la possibilità di diventare divino”
    trascendendo l’illusoria pochezza …
    http://amicidimauro.wordpress.com/2011/08/29/l%E2%80%99uomo-e-l%E2%80%99immortalita/

  4. Pingback: DUE PAPI | La Nuova Era

  5. amleta ha detto:

    Anche il fiore più semplice profuma, anche il fiore più selvatico profuma, anche il fiore nascosto dentro una grotta profuma e se fiorisce vuol dire che questa è la sua strada. Ciò che non mostra il fiore è la sua ferita, ciò che non mostra il fiore non è il suo cuore ma è il suo dolore che lo ha reso secco prima di sbocciare. Ma il fiore cresce lo stesso, anche su uno stesso arso dal sole, perchè vuole vivere e amare. Il fiore profuma ancora. La pochezza degli uomini è quella di vedere se stessi come esseri limitati, si guardano intorno, si guardano dentro e si vedono distorti e limitati, ma io voglio far scorgere loro ciò che invece limitato e limitante non è, ossia l’amore, che ci rende divini e si unisce insieme.

  6. Pingback: COSCIENZA CRISTICA | La Nuova Era

  7. Pingback: FIORITURA | Emozioni, l'espressione fisica dell'amore

Rispondi a Simona Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...